Pianificazione e governo del territorio

Piano Regolatore Portuale

Uno strumento urbanistico alquanto giovane, introdotto con la Legge 84/94 di riforma dell’ordinamento portuale e profondamente innovativo rispetto alla precedente prassi di pianificazione dello sviluppo dei porti, il Piano Regolatore Portuale rivoluziona l’attività di pianificazione dei porti italiani, delimitandone l’ambito e  ridisegnandone l’assetto complessivo.
Il nuovo Prp del porto di Palermo - la prima stesura organica del Piano Regolatore del porto risale al 1964 -  si propone di governare lo sviluppo del porto alla luce di uno scenario del tutto innovativo e avanzato in cui  il porto non è più inteso come scalo terminale, ma “nodo di una rete intermodale complessa” estesa all'intero territorio circostante e comprendente i servizi, le professionalità e le qualità insediative e ambientali del sistema urbano circostante.  
Da qui la necessità di uno strumento con funzioni di “scenario”, di “indirizzo” e di “progetto” attraverso il quale l’Autorità Portuale di Palermo possa attuare una  strategia di valorizzazione e sviluppo competitivo del porto e rispondere alle nuove esigenze del ciclo trasportistico. 

 

Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente Piano Regolatore del Porto di Palermo

 

Progetto Integrato di Trasformazione Portuale P.I.T.P. Sub-aree funzionali

Data di creazione: 11/09/2020
Data di ultima modifica: 21/10/2020

Torna all'inizio del contenuto